Notizie

       

CAMBIANO I GOVERNI MA …NON CAMBIANO LE POLITICHE SULLA SCUOLA:SUPPLENZE VERSO UN NUOVO MASSIMO STORICO

L'emergenza Covid ha portato drammaticamente alla luce tutti i problemi pregressi della scuola italiana. In particolare i problemi dell'edilizia scolastica, della carenza di strutture, delle classi sovra affollate (classi pollaio), della carenza di personale e del conseguente uso improprio del personale precario. 

A SETTEMBRE TUTTI/E A SCUOLA IN SICUREZZA

Giovedì 25 giugno 2020 giornata nazionale di mobilitazione per difendere e rilanciare la scuola pubblica

unnamed

BASTA CON LA DIDATTICA A DISTANZA, LA SCUOLA E' UN ALTRA COSA, A SETTEMBRE TUTTE/I IN CLASSE IN SICUREZZA

Tutti/e a scuola in sicurezza. No alle classi pollaio. Sì all’assunzione di docenti ed ATA. Sì a investimenti nell’edilizia scolastica

cobas (5)

CONCORSO SCUOLA PER SOLI TITOLI

CONTRO IL PRECARIATO A VITA

concorso soli titoli

Il 28 aprile sulla Gazzetta Ufficiale sono stati pubblicati i bandi dei concorsi per la scuola. Sulla necessità dell'indizione dei concorsi ordinari c'era una condivisione unanime mentre assurda ci appare la scelta forzata di voler far svolgere il concorso straordinario per la secondaria con prova selettiva da tenersi questa estate quando la stessa ministra non è neanche in grado, data l'emergenza coronavirus, di poter affermare con sicurezza se le scuole a settembre potranno riaprire.

NO AI PIENI POTERI ALLA MINISTRA (o ai suoi suggeritori) E ALL'IMPOSIZIONE DELLA DIDATTICA A DISTANZA!

SÌ AL RICONOSCIMENTO DELL’ IMPEGNO DI DOCENTI E ATA PER MANTENERE VIVA LA SCUOLA PUBBLICA COME PRESIDIO DI CIVILTA' E CULTURA  ANCHE AI TEMPI DEL CORONAVIRUS!

lucia-azzolina-650x434

DICHIARAZIONE SU DIDATTICA A DISTANZA

unnamed

Questa che segue è la Dichiarazione sulla Didattica a distanza - prodotta, dopo approfondita discussione, dall'Esecutivo Nazionale COBAS - che invitiamo ad usare e a far circolare nelle scuole. Ulteriori aggiornamenti potranno seguire se, come sembra probabile, ci saranno da parte della ministra e del Ministero interventi che vadano a forzare vistosamente la normativa esistente.