Sulla proposta di P.R.P. agli insegnanti inglesi