Il movimento dei precari/e della scuola di nuovo in piazza il 22 settembre 2012

Il movimento dei precari/e della scuola di nuovo in piazza il 22 settembre 2012

No al nuovo "concorsaccio", no alla deportazione degli inidonei, no alla scuola -miseria e alla scuola-quiz.

Il popolo dei precari e delle precarie della scuola, unito contro i tagli e contro il concorso del ministro Profumo, torna in piazza: in migliaia hanno attraversato Roma nella manifestazione di sabato 22, spezzando un silenzio che durava ormai da troppo tempo. Al loro fianco i Cobas che, oltre a partecipare al percorso di elaborazione e preparazione dell’evento, hanno contribuito attivamente a tutta la fase organizzativa, con la mobilitazione dalle sedi di tutta Italia e l’allestimento dei pullman per raggiungere la capitale.

Questa volta il ministro Profumo ha fatto male i suoi calcoli, e la carta del concorso si è rivelata un boomerang, riuscendo a scontentare davvero tutto il composito universo del precariato scolastico: abilitati, non abilitati, neo-laureati, iscritti e non iscritti alle graduatorie a esaurimento, code e pettini, Nord e Sud.  Per la prima volta da anni i docenti precari della scuola pubblica italiana hanno avuto la forza di ritrovarsi insieme, discutere, unirsi e scendere in piazza con un comune obbiettivo. Un confronto che dura dall’estate, che ha portato a tre giorni di presidio davanti al Ministero, che ha portato a una partecipatissima assemblea nazionale che ha deciso e voluto fortemente questa manifestazione. Una mobilitazione che non ha dato tregua al ministro, accompagnato e inseguito da una contestazione costante in tutte le sue recenti uscite pubbliche: a Pisa come a Modena, a Reggio Emilia, a Torino, a Viterbo, a Napoli e a Roma.

Le ragioni, la rabbia e la gioia di ritrovarsi insieme che abbiamo visto in questi giorni di preparazione e nella giornata della manifestazione romana siano dunque un punto di partenza e non di arrivo, l’inizio di una nuova stagione di lotta per tutti i docenti, precari e non. Sia questo l’inizio di una mobilitazione permanente a partire dai territori, dalle scuole, da ogni singolo insegnante. Ritorneremo nelle scuole, e ci ritroveremo a scontrarci con la realtà di sempre: aule sovraffollate, scuole che crollano, strapotere dei presidi; troveremo i docenti considerati inidonei che chiederanno di unirci alla loro sacrosanta causa, e gli insegnanti di sostegno alle prese con 4, 5, 6, 7 studenti certificati. E ancora, troveremo chi cercherà di far passare l’“Aprea” sotto mentite spoglie e il suo progetto di privatizzazione della scuola. E avremo a che fare con la pubblicazione del bando del concorso, e di un nuovo bando ad aprile, con nuove regole che cercheranno di imporre la chiamata diretta da parte dei presidi.

L’unità ritrovata nella lotta contro il concorso si trasformi in un’onda lunga che, partendo dallo specifico del precariato, sia in grado di coinvolgere tutti i soggetti della scuola pubblica, per una stagione duratura e non momentanea di mobilitazione.

COBAS
Comitati di Base della scuola