18 marzo 2005- il Personale Ata sciopera

IL PERSONALE A.T.A. SCIOPERA PER L’ABROGAZIONE DELLA CONTRORIFORMA MORATTI, PER IL RINNOVO DIGNITOSO DEL CONTRATTO E CONTRO LA PRECARIZZAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO

Il personale Amministrativo, Tecnico, Ausiliario che presta servizio nelle Istituzioni Scolastiche è sicuramente quello più colpito dai processi “innovativi” portati avanti dai governi e dai sindacati cosiddetti “rappresentativi”, negli ultimi dieci anni. Nelle fabbriche si chiama “ristrutturazione” mentre per la Scuola Pubblica Statale si usano termini quali “innovazione” e “processi di riforma” correlati al concetto-chiave di “autonomia”. Con le dovute differenze, rispettose del diverso ruolo sociale dei luoghi di lavoro, il risultato è lo stesso: perdita di posti, aumento dei carichi di lavoro, stipendi “da fame”, mobilità.

La controriforma Moratti con la riduzione del tempo scuola per tutti i gradi di istruzione prevede un drastico ridimensionamento del personale A.T.A. a fronte di un aumento dei carichi di lavoro, dei nuovi compiti e delle responsabilità. Infatti le funzioni che prima venivano svolte dai Provveditorati agli Studi sono ora di competenza delle Istituzioni Scolastiche.

L’Organizzazione Sindacale COBAS propone una determinazione degli organici del personale A.T.A. che parte dalle reali esigenze per una buona Scuola Pubblica Statale specchio della civiltà e della democrazia di un paese.

A)       il numero degli Assistenti Amministrativi deve essere proporzionale al numero complessivo degli alunni/studenti e del personale da amministrare (docenti e non);

B)      il numero dei Collaboratori Scolastici deve essere proporzionale agli alunni/studenti ed agli spazi da sorvegliare e da pulire (classi, laboratori, palestre, uffici, ecc.) ed in caso di presenza di sezioni di Scuola Materna gli addetti a questo specifico settore deve essere raddoppiato;

C)      il numero degli Assistenti Tecnici deve essere proporzionale agli alunni/studenti, ai laboratori ed alle ore di funzionamento degli stessi

I punti salienti della nostra piattaforma sono:

➢        abrogazione di tutte le leggi Moratti;

➢        assunzione a Tempo Indeterminato dei precari su tutti i posti disponibili;

➢        riconoscimento giuridico ed economico di tutti i servizi prestati dal personale A.T.A. transitato allo stato dagli Enti Locali;

➢        aumento contrattuale di € 250,00 netti mensili per tutti i profili professionali;

➢        compenso individuale accessorio fisso in tabella stipendiale e pensionabile;

➢        fondo d’istituto in tabella stipendiale e pensionabile;

➢        compenso individuale accessorio fisso anche per gli assunti a Tempo Determinato dai Dirigenti Scolastici;

➢        eguali diritti normativi tra precari e personale a Tempo Indeterminato;

➢        ricostruzione di carriera e adeguamento economico dei precari dopo 3 anni di incarico;

➢        istituzione della 3^ fascia di Istituto per il profilo professionale di collaboratore scolastico;

➢        facoltà/possibilità di trasferimento ad altra provincia della propria posizione in graduatoria permanente e d’Istituto

VENERDI’ 18 MARZO 2005 SCIOPERO GENERALE DELLA SCUOLA

MANIFESTAZIONE A ROMA - ORE 10 COLOSSEO -

IN DIFESA DELLA SCUOLA PUBBLICA STATALE, PER L’ABROGAZIONE DELLE LEGGI MORATTI, PER CHIEDERE LE DIMISSIONI DELLA MINISTRA, PER L’ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO DEI PRECARI SU TUTTI I POSTI DISPONIBILI, PER IL CONTRATTO