CESP - VII GIORNATA NAZIONALE DEL MONDO CHE NON C’E’ FESTIVAL DEI DUE MONDI DI SPOLETO (7-9 luglio 2022)

220207_Cover_Fb_Tavola-disegno-1-01-1024x390

“Io è un altro”  
Casa di reclusione di Maiano
Palazzo Mauri-Spoleto
Con il Patrocinio del Garante Nazionale dei diritti delle persone private della libertà personale
----------------------------------
Il CESP- Rete delle scuole ristrette presenta
Dieci anni con lo sguardo “di dentro”
Diritto di accesso e partecipazione dei detenuti alla vita culturale della comunità
Seminario nazionale di Aggiornamento/Formazione

“IO è un altro”. Lì dentro c’è tutto:
c’è l’infinito ignoto, ogni volta d’affrontare;
c’è lo straniero che attende i tuoi versi;
c’è la tua / nostra unica essenza
(Arthur Rimbaud-Lettera a Georges Inzambard)

Il titolo scelto quest’anno per il seminario della VII Giornata nazionale del Mondo che non c’è, è ripresa dalla famosa affermazione dell’allora diciassettenne Arthur Rimbaud, contenuta nella lettera al suo professore di liceo: Io è un altro. 

Nel preferire tale espressione, non scrivendo semplicemente Io sono un altro, Rimbaud indica lo spaesamento, lo smarrimento, la perdita della propria individualità da parte di chi non ha più identità ed è “agito” da un altro.

E’, ci dice Lacan, come quando, guardandosi per la prima volta allo specchio, pur riconoscendo quell’immagine come propria, si capisce in un certo senso che io è un altro, che io è fuori di sé. Proprio tale disorientamento e perdita di sé, ci sono sembrati esemplificativi della dimensione esistenziale di chi, privato della propria libertà personale, si trova ristretto in istituzioni nelle quali tale dimensione rappresenta l’essenza.

La VII Giornata nazionale del Mondo che non c’è, inserita nel Festival dei Due Mondi di Spoleto, vuole essere la rappresentazione di un percorso verso la scoperta dell’io “Altro”e si svolgerà dal 7 al 9 luglio dentro & fuori, in un “continuum” tra il luogo nel quale ha inizio il percorso dei “ristretti”, il carcere, e il mondo esterno che dovrà nuovamente accoglierli, simboleggiato da uno spazio trasformativo per antonomasia, la biblioteca, da cui si esce “cittadini del mondo”.

Programma

- Giovedì 7 luglio
ore 21.00
Tempo Libero- Prima teatrale
Casa di Reclusione di Maiano-Spoleto (con ingresso del pubblico esterno)
La Compagnia #SIneNOmine (Direttore artistico Giorgio Flamini) presenta una mise en scène ispirata a Il castello dei destini incrociati e La taverna dei destini incrociati. Nei due racconti di Italo Calvino sfilano più personaggi della storia della letteratura e del teatro: il dottor Faust, Orlando e Astolfo, Elena di Troia, Parsifal, Edipo, Amleto, Lady Macbeth, Justine...

    
- Venerdì 8 luglio
ore 10.00/16.00
Io è un altro- Seminario di formazione/aggiornamento
Palazzo Mauri-Sala della Biblioteca- Spoleto
Introducono e coordinano
Anna Grazia Stammati – Luisa Marquardt
I risultati di un impegno comune- Biblioteche innovative in carcere
Saluti istituzionali e interventi
-          Andrea Sisti - Sindaco della Città di Spoleto.
-          Chiara Pellegrini – Direttore Casa di Reclusione  di Maiano-Spoleto
-          Walter Verini – Commissione Giustizia Camera dei Deputati-Relatore Riforma Cartabia
-          Sonia Specchia – Segretaria Generale Cassa delle Ammende
-          Daniela de Robert – Componente del Collegio del Garante Nazionale dei diritti delle persone private della libertà personale
-          Angela Venezia – PRAP Toscana-Umbria Dirigente Ufficio Detenuti e Trattamento
-          Fabio Gianfilippi – Componente della Commissione per l'innovazione del sistema penitenziario (istituita dalla Ministra della Giustizia con d.m. 13 settembre 2021) 
-          Marco Piersigilli – Comandante Casa di Reclusione di Maiano-Spoleto
Tavola rotonda
Istruzione e cultura nei percorsi di istruzione nelle carceri dall’Alfabetizzazione all’Università
I e II livello di istruzione: il punto. Le tre missioni dell’Università: Didattica-Ricerca- Impegno nei territori e nelle comunità
-          Ne parliamo con i Dirigenti ( in ordine alfabetico):
Giuseppe Ennas(Dirigente scolastico CPIA1Cagliari), Carmensita Feltrin (Dirigente scolastico CPIA 4 Oristano), Roberta Galassi (Dirigente scolastico IPSEOASC “G. De Carolis” di Spoleto sezione CR Maiano-Spoleto), Nicoletta Morbioli(Dirigente Ambito Territoriale Vicenza), Mauro Pescetelli (Dirigente Scolastico IIS “Sansi-Leonardi-Volta”-Spoleto), Alessandra Tugnoli (Dirigente IIS “ Soleri-Bertoni”- Saluzzo)
-          Ne parliamo con i docenti e gli studenti dei percorsi di istruzione in carcere (in ordine alfabetico):
Peppe Albanese (CPIA Nelson Mandela- Palermo), Antonio Belardo  (percorsi di istruzione in carcere “IIS E. Caruso” –Napoli-Casa di reclusione Secondigliano), Altero Borghi ( Regista Laboratori teatrali Casa Circondariale Massa Marittima-Grosseto), Mattia Esposito (studente percorsi di istruzione in carcere, Attore Compagnia#SIneNOmine), Alessandra Gaviano (Docente CPIA Grosseto), Federica Oscari (studente percorsi di istruzione in carcere, corsista Biblioteche innovative in carcere, esponente comunità LGBT Rebibbia- Previa autorizzazione del Magistrato di Sorveglianza), Pino Panepinto (studente percorsi di istruzione in carcere, operatore bibliotecario Biblioteca centrale Rebibbia NC-Previa autorizzazione del Magistrato di Sorveglianza), Francesco Sorrentino (studente percorsi di istruzione in carcere- Previa autorizzazione del Magistrato di Sorveglianza), Paola Tacchella (CPIA 1 Verona), Luigi Zannini (studente percorsi di istruzione in carcere, operatore bibliotecario Biblioteca centrale Rebibbia NC- Previa autorizzazione del Magistrato di Sorveglianza)
Sono previsti interventi di attori della Compagnia #SIneNOmine che accedono alle misure alternative
ore 21 .00
Tempo Libero Replica Casa di Reclusione di Maiano-Spoleto (con ingresso del pubblico esterno)
Compagnia #SIneNOmine

     
- Sabato 9 luglio
Ore 10-14.00
  Io è un altro- Seminario di formazione/aggiornamento
Chi ha paura della cultura in carcere?
Palazzo Mauri-Sala della Biblioteca
Introducono e coordinano Anna Grazia Stammati- Luisa Marquardt-Giorgio Flamini
Intervengono
Giovanni Maria Flick ( Presidente Emerito della Corte Costituzionale )
Pierdonato Zito- Studente Polo Universitario Penitenziario Federico II Napoli
Maria Giulia Brizio (Salone Internazionale del Libro di Torino - Adotta uno scrittore “in carcere”)
Rappresentanti istituzionali dei Poli Universitari penitenziari
Le possibili  aree di collaborazione tra percorsi di istruzione in carcere e poli universitari penitenziari
Franco Prina – Professore Ordinario di Sociologia giuridica e della devianza Università di Torino- Presidente della Conferenza Nazionale Poli Universitari Penitenziari (CNUPP)-
Vincenza Pellegrino- Prof.ssa Associata di Sociologia dei processi culturali e comunicativi –Università di Parma
Elena ZizioliProf.ssa Associata di Pedagogia Generale e Sociale -Dipartimento di Scienze della Formazione - Università “Roma Tre”
Sono previsti interventi di attori della Compagnia #SIneNOmine che accedono alle misure alternative
La Rete delle scuole ristrette, dopo l’appuntamento al Salone Internazionale del Libro di Torino continua la riflessione sullo stato dell’istruzione e dei percorsi culturali in carcere a dieci anni dalla propria fondazione e dal Regolamento recante norme generali per la ridefinizione dell'assetto organizzativo didattico dei Centri d'istruzione per gli adulti (DPR 263/2012).

----------------
Centro Studi Scuola Pubblica
Sede nazionale
Viale Manzoni, 55-Roma
Tel. 06-70452452
e-mail: cesp@centrostudi-cesp.it